Settore pharma online e SEO: lo studio di Pro Web Consulting

Sono molti i nomi di farmaci e di case farmaceutiche diventati ormai top-of-mind, grazie all’adv e agli spot televisivi. Questo, però, potrebbe non bastare più in un presente in cui i potenziali clienti cercano informazioni soprattutto sui motori di ricerca prima di acquistare una cura anche ai più comuni disturbi.

L’agenzia SEO Pro Web Consulting ha voluto indagare partendo dai comportamenti degli utenti, individuando parole chiave relative a sintomi e rimedi maggiormente ricercate in relazione a due macro-categorie del pharma: antipiretici e antinfiammatori, ossia farmaci da banco comuni, scelti come esempio perché più concorrenziali a livello di vendite.

Cercando parole semplici come “sintomi raffreddore”, “mal di testa” o “dolori muscolari” su Google, è molto difficile trovare in prima pagina i portali istituzionali o di prodotto delle aziende di settore. Al contrario, ci si imbatte molto più frequentemente in blog specializzati o siti editoriali che trattano di salute e benessere.

La visibilità su Google, anche per i brand più popolari, è molto bassa: ne consegue un’opportunità persa in termini di business, se si pensa che il terreno di sfida tra le maggiori case di produzione si sposterà sempre più dalle farmacie e parafarmacie al Web.

L’idea di effettuare questo studio è nata dopo l’entrata in vigore della nuova normativa del 1° Luglio 2015, che autorizza anche in Italia la compravendita di farmaci online, senza obbligo di ricetta – spiega la curatrice della ricerca, Francesca Dalla Pozza, Digital Marketing Consultant di Pro Web Consultingè, quindi, evidente che la capacità di posizionarsi per le parole chiave più competitive è essenziale: la Rete non è più solo un ulteriore mezzo di comunicazione ma un vero e proprio canale di vendita, oltre che un forte veicolo di brand awareness. I first mover, cioè i primi che decideranno di affidarsi alla SEO, avranno enormi benefici rispetto ai competitor”.

L’autorevole rivista specializzata AboutPharma ha pubblicato nel numero di febbraio 2016 lo studio di Pro Web Consulting, per approfondire l’argomento a beneficio degli addetti ai lavori del settore.