“About This Result” è il nuovo migliore amico di chi cerca e fa SEO su Google

A volte le ragioni per cui Google preferisce un altro sito rispetto al nostro, nonostante i nostri eroici sforzi tecnici e creativi, ci appaiono imperscrutabili. Una nuova funzione del pannello “About this result” potrebbe però aiutarci nelle nostre analisi contenendo, almeno parzialmente, le nostre frustrazioni di SEO: ne parliamo in questo approfondimento del blog.

Perché è così difficile capire la SERP?

Rilevanza, rilevanza, rilevanza: è questo il mantra ripetuto allo sfinimento da Google da un decennio a questa parte. Il motore di ricerca ha teso infatti a raffinare sempre più la precisione, l’accuratezza e l’utilità dei risultati presentati in SERP. Ma se è chiaro a tutti, almeno a grandi linee, il significato della parola “rilevanza” in ambito SEO, nella pratica sono infiniti i fattori che contribuiscono a rendere un risultato più rilevante di un altro. E quando si confrontano contenuti e siti ben strutturati, le differenze che permettono agli uni di ottenere una posizione più alta in SERP rispetto agli altri sono talvolta davvero sottili. Ma non così semplici da scoprire, se non altro in tempi brevi.

Per condurre l’analisi di un singolo competitor, infatti, è necessario spendere ore di lavoro a stretto contatto con il suo sito: studiare l’organizzazione dei contenuti, la UX su diversi tipi di dispositivi, l’interlinking, la gestione SEO di testi e immagini, il profilo dei backlink e molto altro ancora. Se si vuole indagare il posizionamento di una keyword particolare, la ricerca raggiunge poi un livello di dettaglio davvero impegnativo. Risparmieremmo sicuramente tempo se invece di prenderci in carico questo laborioso processo potessimo cliccare un bottone e sapere subito perché il nostro concorrente si posizioni meglio di noi per una keyword che ci interessa particolarmente. Ebbene, se vi dicessimo che forse quel bottone magico è arrivato?

Che cos’è “About this result” e perché ne abbiamo bisogno

Introdotto in beta da qualche mese sul mercato USA, “About this result” è, in parole povere, la finestra che si apre cliccando sui tre puntini a fianco di un risultato in SERP e che mostra, come dice il nome stesso, informazioni riguardo al sito in questione. L’idea alla base di questa funzionalità è stata quella di offrire un più ampio contesto ai contenuti pubblicati sul web, permettendo agli utenti di comprenderne l’autorevolezza e affidabilità.

Google - About This Result

Fonte: https://blog.google/products/search/about-search-results

 

La funzionalità nasce in modo lampante dall’esperienza della pandemia e dal tentativo di limitare la diffusione di fake news, contenuti acchiappa-click e spam che nei mesi dell’emergenza sanitaria si sono diffusi a macchia d’olio. L’idea è insomma quella di dare agli utenti la possibilità di prendere decisioni più informate, conoscendo la fonte dei contenuti che incontrano sul web. Se l’identità di certi siti – grandi testate giornalistiche, piattaforme per acquisti online etc. – è ampiamente nota alla massa, ciò non si applica infatti a una marea di altri siti web.

Sul fatto che un utente web medio sia nell’ordine in grado di: a) accorgersi della presenza dei tre puntini della funzione “About this result”, b) cliccarci sopra, c) capire di cosa si tratta e fidarsi di queste informazioni e infine d) ripetere l’operazione ogni qualvolta cerchi qualcosa di importante su Internet abbiamo i nostri fondati dubbi, ma l’importante, come si suol dire, è il pensiero.

Comunque sia, le informazioni fornite finora da “About this result” hanno riguardato una manciata di informazioni fra cui la presenza sul sito di un protocollo di sicurezza, la descrizione dell’azienda data da Wikipedia (ergo aggiornata e affidabile), la natura del risultato (organico o a pagamento) e poco altro. Utili per l’utente? Abbastanza. Utili anche per i SEO? Non particolarmente. Tuttavia, un’aggiunta recente al pannello promette risvolti interessanti anche per i professionisti del settore, fornendo loro un supporto nella lettura delle SERP di cui parlavamo nel paragrafo precedente. Vediamo dunque qual è la novità in questione.

Cosa c’è di nuovo in “About this result”

L’aggiornamento di “About this result” di luglio 2021 prevede che per ogni risultato presente in SERP venga fornita una lista di fattori per cui quel contenuto ha ottenuto quella data posizione. Le possibili ragioni riguardano:

  1. La presenza, nella pagina posizionata, di termini presenti nella query dell’utente.
  2. La presenza, nella pagina posizionata, di termini pertinenti alla query dell’utente: se l’utente immette ad esempio nel motore di ricerca la query “come cucinare il pesce in forno”, Google andrà infatti a pescare anche fra le pagine che contengono termini limitrofi come “arrosto” e “ricetta”.
  3. La presenza di backlink che puntino alla pagina posizionata tramite anchor text pertinenti al testo della query dell’utente: in conseguenza di ciò, l’algoritmo di Google assegna alla pagina un elevato punteggio di rilevanza e autorevolezza.
  4. La lingua del risultato, per cui ad esempio un contenuto in inglese verrà preferito a uno in spagnolo se l’inglese è la lingua predefinita del browser dell’utente.
  5. La rilevanza geografica del risultato: molte query, anche non contenenti un’indicazione geografica esplicita, ne presuppongono comunque una; ad esempio, se cercassimo “giorno raccolta vetro” ci interesserebbero unicamente le informazioni valide nel nostro comune di residenza. Google privilegia di conseguenza in SERP i contenuti più rilevanti in base alla posizione dell’utente e questa rappresenta una delle informazioni mostrate all’interno del pannello “About this result”.

Lato utente, ammesso e non concesso che l’utente decida di sfruttare questa funzionalità, l’utilità di “About this result” si circoscrive alla possibilità di ottenere rassicurazioni sul fatto che i risultati web non sgorghino da una fonte misteriosa controllata dai poteri forti, ma vengano valutati secondo parametri matematici di affidabilità ed effettiva rilevanza. Il pannello ha peraltro un intento pedagogico aggiuntivo: fornisce infatti agli utenti suggerimenti utili su come perfezionare le loro ricerche utilizzando gli operatori di ricerca (quelli che tutti i SEO conoscono a memoria) in modo da ottenere risposte più accurate.

Maggiore, ed evidente, è forse l’utilità di “About this result” per chi si occupa di SEO. Diventa infatti molto più semplice concorrere contro i rivali di SERP avendo la possibilità di raccogliere, in pochi clic, tante informazioni preziose circa il perché delle migliori performance registrate da un competitor per le keyword che ci interessano.

Con questo simpatico giochino si possono attualmente gingillare soltanto i colleghi d’oltreoceano, ma aspettiamo di poterci divertire insieme a loro fra pochi mesi.

Riccardo Gaffuri Head of SEO